Responsabilità editoriale Xinhua.

Coronavirus: la vita di un docente italiano in Cina (2)

(XINHUA) - XIAMEN, 27 FEB - Il docente universitario e la sua famiglia hanno infatti ricevuto molte indicazioni dalle autorità locali su come prevenire l'epidemia.
    "Il dipartimento per la scienza e la tecnologia di Xiamen ha appositamente invitato alcuni esperti medici ad aprire corsi online per gli stranieri in città, il che ci ha aiutato a comprendere meglio il virus e come proteggerci nel modo corretto", ha sottolineato d'Apolito, secondo cui le autorità preposte hanno anche creato un gruppo su WeChat, dove vari esperti stranieri rispondono in qualsiasi momento alle preoccupazioni dei residenti esteri.
    Allo stesso modo, la comunità dove d'Apolito vive con la propria famiglia ha rafforzato le misure di sicurezza, controllando la temperatura corporea a chiunque acceda al quartiere, garantendo una quarantena di 14 giorni per chi abbia viaggiato in altre località e distribuendo opuscoli sulla sindrome COVID-19 per aumentare la consapevolezza del pubblico sulle politiche di prevenzione.
    "Ci sentiamo più sicuri con tutte queste misure", ha detto d'Apolito. "Riteniamo che la malattia sia sotto controllo, grazie agli sforzi profusi".
    Sebbene il semestre primaverile sia tuttora sospeso e rinviato a data da definirsi, il docente comunica con i propri colleghi tramite e-mail o in videoconferenza. "E' un metodo sicuro ed efficace", ha rimarcato d'Apolito.(SEGUE)

    Responsabilità editoriale Xinhua.

    Video ANSA




    Modifica consenso Cookie