Responsabilità editoriale Xinhua.

Cina allarga contrasto doping, persegue più illeciti

(XINHUA) - QINGDAO, 19 NOV - Le nuove leggi cinesi che disciplinano i reati di doping vedranno una linea dura nei confronti di chi si cela dietro queste attività illegali, tra cui distributori, allenatori, funzionari e produttori di sostanze vietate.
    Ieri la Corte Suprema del Popolo ha reso legge sanzioni penali a lungo anticipate per alcune attività di doping, annunciando le interpretazioni giudiziarie sull'applicazione del diritto penale nella gestione dei casi legati al doping che entreranno in vigore a partire dal 1° gennaio 2020.
    L'amministratore delegato della China Anti-Doping Agency (CHINADA), Chen Zhiyu, ha detto che uno dei punti focali del cambiamento nella legislazione è colpire chi sta dietro le quinte, piuttosto che punire semplicemente gli atleti.
    "Alla recente Conferenza Mondiale sul Doping nello Sport, il Comitato Olimpico Internazionale ha detto che la lotta contro il doping ha bisogno del sostegno governativo. Questo è ciò che la Cina sta facendo", ha detto oggi Chen, che si trova a Qingdao per partecipare alla sessione di Formazione sulla Legge e sul Regolamento Nazionale Antidoping 2019.
    I cambiamenti sono volti a contrastare reati come il traffico e le attività commerciali illegali relativi a sostanze vietate e la costrizione, l'organizzazione, l'induzione o l'inganno di minori o persone con disabilità in relazione all'uso di sostanze che migliorino le prestazioni. Anche la produzione e la vendita di sostanze vietate saranno soggette a sanzioni penali.
    Secondo le nuove interpretazioni, i funzionari governativi potrebbero essere incarcerati se dovessero abusare del loro potere o fossero negligenti nel loro ruolo dirigenziale di controllo del doping.(SEGUE).
   

      Responsabilità editoriale Xinhua.

      Video ANSA