Epstein: sospeso direttore del carcere

E due agenti

Al setaccio degli agenti dell'Fbi la villa nell'isola privata di Jeffery Epstein, nelle Virgin Islands americane, dove nelle ultime ore è scattato un raid a caccia di prove sui festini che il finanziere americano organizzava con amici e ragazze minorenni. I federali su Little St. James - secondo quanto si evince dalle immagini riprese dall'alto da un drone - avrebbero trovato e sequestrato alcuni computer ed altro materiale che potrebbe risultare utile alle indagini. Indagini che vanno avanti nonostante il suicidio del finanziere.

Le due guardie carcerarie che avrebbero dovuto vigilare su Jeffrey Epstein la notte prima del suicidio si sono addormentate lasciando la cella del finanziere senza controlli per almeno tre ore. Gli agenti avrebbero poi falsificato il rapporto per nascondere il loro errore. Lo riporta il New York Times citando fonti investigative dopo che due agenti della prigione federale di Manhattan sono stati rimossi e messi in aspettativa.

Una donna che ha accusato Jeffrey Epstein di sfruttamento e abusi sessuali ha presentato, intanto, presso il tribunale di New York la prima causa civile che potrebbe aprire la strada a decine di azioni legali. La causa è intentata contro il patrimonio del finanziere suicida che ammonterebbe ad almeno 550 milioni di dollari. La vittima, Jennifer Araoz, 32 anni, fu adescata dalla rete di Epstein quando aveva 14 anni fuori dalla scuola e - secondo il suo racconto - fu abusata e violentata dall'età di 15 anni. La denuncia di Araoz anche contro la socia di Epstein, Ghislaine Maxwell.

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA