Messico: cresce la 'carovana' in marcia verso gli Usa, sono oltre 7mila. Ira Trump

Il presidente Usa ha fatto sapere che farà intervenire l'esercito e ha minacciato di tagliare i fondi a Guatemala, Honduras ed El Salvador, Paesi dai quali è partita la carovana

La carovana di migranti partita dal Centro America e diretta verso gli Stati Uniti e' cresciuta arrivando ad oltre 7.000 persone. Lo affermano le autorita' guatemalteche e messicane. Questo nonostante le minacce del presidente Usa Donald Trump, che ha promesso di inviare l'esercito per proteggere il confine meridionale tra Usa e Messico e ha parlato di Emergenza Nazionale. La maggior parte dei migranti proviene dall'Honduras e ora stanno entrando in Messico dalla citta' di frontiera di Ciudad Hidalgo. 

Hanno trascorso la notte a Tapachula, nello Stato messicano di Chiapas, e sono ripartiti per Arriaga, città non lontana dallo Stato di Oaxaca.

La tv Milenio ha indicato che si tratta di un gruppo di persone che ha attraversato illegalmente dal Guatemala il fiume Suchiate, a cui durante la marcia si sono uniti altri centroamericani già entrati in passato in Messico e che hanno deciso di partecipare alla spedizione diretta negli Stati Uniti.

Almeno 700 agenti della polizia messicana e il personale dell'Istituto nazionale delle migrazioni (Inm) segue la Carovana, cercando a tratti di fermarla, senza successo però. Un alto responsabile dell'Inm, Francisco Echavarría, si è più volte rivolto ai migranti con un altoparlante per convincerli a sottomettersi alle procedure previste per l'ottenimento del visto o dello statuto di rifugiato ma anche qui senza successo. Donald Trump ha allertato la guardia di frontiera e l'esercito per quella che ha definito un'emergenza nazionale".

"Purtroppo sembra che la polizia e l'esercito del Messico non siano in grado di fermare la carovana diretta verso il confine meridionale degli Stati Uniti. Vi si sono mescolati criminali e medio orientali sconosciuti. Ho allertato la guardia di frontiera e l'esercito che questa e' una emergenza nazionale. Le leggi devono cambiare", ha twittato. 

Gli Stati Uniti - ha detto ancora - "cominceranno a tagliare o a ridurre sostanzialmente gli imponenti aiuti regolarmente dati a Guatemala, Honduras ed El Salvador", i Paesi da dove e' partita la carovana di migranti diretta verso gli Usa. Trump ha accusato i tre Paesi centroamericani di non essere stati capaci di fermare il flusso di persone che vogliono entrare illegalmente negli Stati Uniti.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

Video ANSA