Lasseter, capo Pixar, ammette molestie

'Passi falsi' lo costringono regista Toy Story a prendere aspettativa

John Lasseter, il capo creative della Pixar e degli studi di animazione di Disney, si è messo in aspettativa citando una serie di "passi falsi" da lui compiuti.
    In un memo allo staff, l'executive che ha costruito i Pixar Animation Studios e resuscitato il business dei cartoni animati Disney, ha spiegato che la decisione è stata presa dopo una serie di "conversazioni difficili". L'aspettativa di Lasseter, che è anche il regista di Toy Story arriva sulla scia dello scandalo delle molestie sessuali scoppiato con le accuse al capo della Miramax, Harvey Weinstein.

"Non è mai facile affrontare I propri errori, ma è l'unico modo per trarne una lezione. E' stato portato alla mia attenzione che ho mancato di rispetto e ho messo qualcuna di voi a disagio. Non era mai stata la mia intenzione", ha detto Lasseter nel memo ottenuto dall'Hollywood Reporter. Un portavoce Disney ha espresso apprezzamento per la decisione dell'executive e "pieno appoggio alla decisione di prendersi un semestre sabbatico" Nel suo rulo di direttore creativo dei cartoni Disney, Lasseter aveva prodotto alcuni grandi successi del colosso di Anaheim tra cui i premi Oscar "Frozen" e "Zootopia".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA