Trump: "Dietro gli hacker ci sono i russi, non sono ricattabile"

Prima conferenza stampa da presidente eletto degli Stati Uniti nell'atrio della Trump Tower a New York

Donald Trump ha tenuto la prima conferenza stampa da presidente eletto degli Stati Uniti nell'atrio della Trump Tower a New York. Il tycoon è intervenuto sulle ultime rivelazioni su affari loschi e festini hard che lo avrebbero visto protagonista e ha attaccato gli 007. Trump poi ha parlato di argomenti di attualità dagli hacker al muro in Messico all'Obamacare, alla politica economica protezionistica. 

Sui media Usa spunta documento top secret

Trump non teme di essere ricattato dalla Russia: "Fuori dagli Stati Uniti ho sempre tenuto comportamenti ineccepibili", ha sottolineato, negando che ci siano anche accordi e affari con Mosca. Trump ha spiegato di essere consapevole delle microspie e microtelecamere che possono essere piazzate nelle camere di albergo all'estero in paesi come la Russia: "Sto sempre estremamente attento. Sono circondato da guardie del corpo e dico sempre a loro di stare attenti perché in queste camere ci sono piccole telecamere nei posti più strani". "Poi io ho la fobia dei germi", ha aggiunto con una battuta, provocando una fragorosa risata dei presenti.

"Informazioni false diffuse forse dalla stessa intelligence. Sarebbe una macchia": ha detto Trump sul dossier degli 007. 

Poi rispondendo ad una domanda su Putin e gli hackeraggi russi: "Penso che dietro l'hackeraggio della campagna presidenziale americana ci sia la Russia", ha spiegato.  "A Putin piace Trump? E' una cosa positiva. Non so che relazioni avrò con Putin, ma spero siano positive". E ha aggiunto, Putin "non avrebbe dovuto" hackerare gli Usa e "credo che non lo farà più". La Russia "rispetterà di più il nostro Paese" quando, tra pochi giorni, sarà lui a guidare l'America, ha sottolineato.
"La Russia può aiutarci a combattere l'Isis. L'attuale amministrazione ha creato l'Isis andandosene dall'Iraq e creato un vuoto di potere che ha dato vita all'Isis. Io non so se avrò un rapporto migliore con Vladimir Putin, ma me lo auguro".

Trump ha definito l'Obamacare un "completo e totale disastro" e ha promesso che sarà "abrogata e sostituita nello stesso giorno, nelle stesse ore".

"Costruiremo il muro (al confine tra gli Usa e il Messico, ndr)". Lo ha ribadito in conferenza stampa il presidente eletto Donald Trump. "Potremmo aspettare un anno, un anno e mezzo, ma non voglio", ha aggiunto, precisando: "Il Messico ci rimborserà. In qualche forma, ma succederà".

"Apprezzo gli sforzi di Fiat Chrysler e di Ford sugli investimenti interni" in America. "C'è un'atmosfera molto positiva. Creeremo molti posti di lavoro in questo Paese", ha aggiunto Trump.

Trump rifiuta domanda alla Cnn, 'voi siete fake news!'  - Battibecco tra Donald Trump e la Cnn. Il presidente eletto in conferenza stampa ha rifiutato di accettare una domanda da uno dei giornalisti del network, affermando "Voi siete fake news!". Durante il suo intervento Trump aveva a più riprese attaccato la Cnn per aver diffuso le rivelazioni circa il presunto materiale compromettente che lo riguarda in possesso della Russia. Il reporter del network ha a sua volta insistito per poter porre la sua domanda: "Ha accusato la Cnn, ci faccia fare una domanda", ha ripetuto più volte. Invano.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA