Isis: Usa, commette genocidio

Contro cristiani, yazidi e sciiti

Il segretario di stato John Kerry ha parlato apertamente di "crimini contro l'umanita'" e di "pulizia etnica" ai danni di minoranze come quelle dei cristiani, dei yazidi e dei musulmani sciiti. E a pagare un prezzo altissimo sono soprattutto le donne. Per questo gli Stati Uniti - ha aggiunto Kerry - si preparano a liberare alcune zone sotto il controllo dell'Isis, con l'obiettivo di proteggere alcune comunità che stanno subendo o rischiano di subire le brutali violenze dei jihadisti.

E' molto raro che il governo statunitense parli di 'genocidio' riferendosi a un conflitto ancora in corso. L'ultima volta avvenne nel 2004, quando il termine fu usato da Colin Powell, il segretario di stato di George W.Bush, a proposito delle violenze commesse in Darfur, nel Sudan. L'accusa di 'genocidio', infatti, comporta una serie di implicazioni politiche e legali, oltre che morali, a livello internazionale.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA