Obama, 'orgoglioso di quanto fatto, rammarico per divisioni'

America divisa su Obama, 46% lo approva e 47% lo boccia

"Chiunque dice che l'economia americana e' in declino sta vendendo un racconto fantasioso": cosi' Barack Obama respinge le critiche dei repubblicani, rivendicando i successi sul campo economico ottenuti dopo la grande crisi. A partire dalla creazione di 14 milioni di posti di lavoro.

L'Isis va combattuto ma "non rappresenta una minaccia esistenziale per la nostra nazione": lo ha detto Obama nel suo ultimo discorso alla nazione.

Spero si possa lavorare ancora quest'anno insieme su priorita' bipartisan, come la riforma della giustizia penale: lo ha detto Barack Obama nel suo ultimo discorso sullo stato dell'Unione, rivolgendosi al Congresso.

"Ammettete che la guerra fredda e' finita. Togliete l'embargo a Cuba": e' l'appello al Congresso lanciato da Obama nel suo ultimo discorso alla nazione.

Grazie all'accordo sul programma nucleare dell'Iran si e' evitata un'altra guerra: cosi' Barack Obama replica alle critiche intensificatesi nelle ultime ore dopo l'incidente delle navi Usa nel Golfo Persico.

Barack Obama cita le parole di Papa Francesco davanti al Congresso Usa: "Imitare l'odio e la violenza dei tiranni e degli assassini e' il modo migliore per prendere il loro posto". Cosi' - ha aggiunto Obama - "quando i politici insultano i musulmani questo non ci rende piu' sicuri. E' solamente sbagliato. Ci sminuisce agli occhi del mondo e rende piu' difficile raggiungere i nostri obiettivi. E tradisce quello che siamo come Paese".

"Non potrei essere più orgoglioso di quello che abbiamo compiuto": così Barack Obama alla vigilia del suo ultimo discorso sullo stato dell'Unione, facendo in un'intervista alla Nbc un bilancio della sua presidenza. E dicendosi "rammaricato" di non essere riuscito a unire Washington e di vedere un Paese fortemente diviso politicamente. Poi rivendica  i risultati raggiunti nel corso della sua presidenza, respingendo le durissime critiche della destra "l'America resta di gran lunga il Paese più forte al mondo". "L'economia - sottolinea - in questo momento sta andando meglio di ogni altra economia al mondo" e sul fronte terrorismo "non ci sono minacce per la nostra esistenza".

A poche ore dal discorso alla nazione di Obama, l'America si rivela divisa nel giudizio sul presidente democratico che quest'anno conclude il suo secondo mandato: secondo un sondaggio Cbs/New York Times, il 46% degli intervistati approva il suo operato, mentre il 47% lo boccia. Un rating più alto di quello ottenuto da George W. Bush nell'ultimo anno di presidenza (29%), ma più basso di quello di Bill Clinton (60%) e di Ronald Reagan (50%). Il consenso più basso è in politica estera (34%), quello più alto in economia (45%).

   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA