Carovita, proteste al Bazar di Teheran

Polizia interviene con gas lacrimogeni e manganelli

(ANSA) - TEHERAN, 25 GIU - In segno di protesta per la costante svalutazione del rial nei confronti del dollaro, i commercianti dello storico Grand Bazar di Teheran hanno oggi abbassato le loro saracinesche in una sorta di sciopero spontaneo e si sono riuniti con altri manifestanti, mentre iniziative simili sono state segnalate anche in altri mercati della capitale iraniana. Allo stesso tempo, i manifestanti hanno iniziato a scandire slogan come: "Lasciamo la Siria, pensate a noi". Alcuni si sono spinti fino ad aggredire i negozianti che non volevano chiudere i loro negozi, apostrofati come "codardi". Secondo quanto hanno riferito alcuni testimoni, la polizia è infine intervenuta, facendo uso di gas lacrimogeni e manganelli, mentre in alcune zone della città le linee telefoniche sono state interrotte.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA