Siria, arrivati i Marines Usa per offensiva a Raqqa

Reuters, Pentagono valuta invio fino a mille uomini contro Isis

Sono 400 i soldati Usa arrivati negli ultimi giorni in Siria per sostenere l'offensiva delle forze locali contro Raqqa, roccaforte dell'Isis. Lo riporta la Reuters citando il portavoce della Us Air Force John Dorrian. Le nuove forze vanno ad aggiungersi ai 500 militari Usa già presenti da tempo in Siria, e sono composte da uomini del corpo dei Marine e del corpo degli Army Rangers. Il numero dei militari americani nel Paese sale dunque a quasi mille. Inoltre l''amministrazione Trump sta valutando di dispiegare fino a mille soldati in Kuwait come forza di riserva nella lotta all'Isis in Siria e in Iraq.

I marine giunti in Siria - riporta anche il Washington Post - erano gia' dispiegati nella regione e il loro spostamento dalle navi Usa nel Golfo Persico non aveva bisogno del consenso del presidente Donald Trump o del segretario alla Difesa James Mattis. Ma sia la Casa Bianca che il Pentagono erano informati. Sulla scrivania dello Studio ovale la proposta di concedere ai comandanti sul posto maggiore flessibilita' nelle decisioni per rispondere piu' rapidamente a situazioni impreviste o ad attacchi sul campo.

Ong, 14 civili uccisi in raid in zona Isis  - E' di almeno 14 civili uccisi, tra cui sei minori e 4 donne, il bilancio di un bombardamento aereo nel nord della Siria in una zona controllata dall'Isis. Lo riferisce l'Osservatorio nazionale per i diritti umani in Siria, secondo cui il raid è avvenuto su Matab, una località a est di Raqqa, la roccaforte dell'Isis nel nord della Siria. Il gruppo di attivisti di "Raqqa viene sterminata nel silenzio" (Rbss) sostengono che gli uccisi nel raid aereo sono 18. Non è chiaro quale aviazione abbia effettuato l'attacco.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA