Esplosione a cattedrale Cairo, 22 morti

I feriti sono 35. Si stava celebrando una messa

Il presidente egiziano Abdel Fatah Al Sisi ha annunciato, aprendo i funerali di stato delle vittime dell'attacco di ieri alla cappella copta si San Pietro e Paolo al Cairo, che l'attentato è stato opera di un giovane kamikaze. Si tratta di Mahmoud Shafik Mohamed Moustafa di 22 anni, ha aggiunto parlando di 4 arresti (tre uomini e una donna), Lo stato egiziano è determinato a vendicare le vittime innocenti dell'attentato di ieri e a portare in giustizia i responsabili dell'atto, per individuare i quali saranno raddoppiati gli sforzi degli investigatori, ha detto lo stesso Sisi, durante una riunione in mattinata con il primo ministro, Sherif Ismail, quella della difesa e della produzione militare, Sedqi Sobhi, e quello dell'interno, Magdi Abdel Gafar.

Sisi, si dice in un comunicato, ha chiesto ai servizi di sicurezza di impegnarsi al massimo per la vigilanza dei cittadini e per garantire la sicurezza del paese. E' stato quindi annunciato che il ministero della solidarietà sociale verserà la somma di 100mila lire egiziane (circa seimila euro) alle famiglie delle 23 vittime dell'attentato e 30mila( circa 1600 euro) a quelle dei feriti.

Una forte esplosione vicino alla cattedrale copta del quartiere di Abbasseya, al Cairo, ha provocato ieri la morte di 25 persone e il ferimento di altre 35, Tra le vittime soprattutto donne e bambini, perché l'esplosione è avvenuta nella parte della cappella riservata ai banchi occupati da donne.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA




Modifica consenso Cookie