Libia: Sisi,se minacciati ci difenderemo

Presidente, ma l'Egitto non farebbe mai un'azione preventiva

Il presidente egiziano Abdel Fattah Al Sisi, nell'escludere un intervento "preventivo" in Libia, ha avvertito che l'Egitto si 'difenderà' se qualcuno proverà ad avvicinarsi ai suoi confini occidentali.
    "Potrei fare un'operazione preventiva ed entrare in Libia" ma "la storia non dimenticherebbe mai ciò che faremmo", ha premesso Sisi in un collegamento telefonico con un programma della Tv egiziana Cbc. "La Libia è un paese sovrano e non si potrebbe fare una cosa simile ai nostri vicini anche se fossero in un stato di debolezza", ha detto ancora il presidente con implicito riferimento ad un'ulteriore avanzata dell'Isis o alla divisione del paese. "Ma (...) se qualcuno tenterà di avvicinarsi a noi, ci difenderemo", ha aggiunto Sisi.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA