Siria: Ong, circa 1.400 uccisi a gennaio

La metà sono morti in seguito a bombardamenti russi

(ANSA) - BEIRUT, 1 FEB - E' di quasi 1.400 uccisi il bilancio delle violenze in Siria nel solo mese di gennaio. La metà sono morti in seguito a bombardamenti russi. Lo riferisce la Rete siriana per i diritti umani, che documenta periodicamente le violazioni nel Paese commesse dai vari attori armati. La Rete precisa che a gennaio sono stati 1.382 gli uccisi e che circa la metà (679) sono morti in seguito a raid aerei russi a sostegno delle forze governative. Altre vittime sono state causate da crimini perpetrati dalla Coalizione anti-Isis guidata dagli Usa, da gruppi armati delle opposizione, da milizie curdo-siriane e da miliziani estremisti islamici.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA