Isis, rapporto Onu denuncia: bambini decapitati e crocifissi

La Giordania reagisce all'omicidio del pilota e non esclude la possibilità di inviare truppe di terra

L'Isis uccide, tortura e violenta sistematicamente bambini e famiglie di gruppi minoritari in Iraq: è quanto emerge da un rapporto dell'Onu pubblicato a Ginevra. I bambini, riporta il documento, in molti casi vengono anche "crocifissi", "decapitati" e "sepolti vivi". Il comitato delle Nazioni Unite sui diritti dei bambini lancia un appello affinché le forze di governo irachene si impegnino maggiormente per proteggere i bambini e le loro famiglie.  Il rapporto cita "molti casi di esecuzioni di massa di bambini, cosi' come notizie di decapitazioni, crocifissioni di bambini e sepolture di bambini vivi". Il governo iracheno ha chiesto ripetutamente di avere più armi dall'occidente e un maggiore addestramento delle sue forze. Da parte sua, l'agenzia dell'Onu ha esortato a fare di più, sottolineando che l'Iraq deve "prendere tutte le necessarie iniziative per assicurare la sicurezza e la protezione dei bambini e delle loro famiglie".

bimbi venduti mercato nero come schiavi sesso
 I militanti dell'Isis vendono i bambini iracheni rapiti come schiavi del sesso, li utilizzano come kamikaze, produttori di bombe, informatori o scudi umani per proteggere alcune strutture contro gli attacchi aerei della coalizione guidata dagli Usa: lo afferma il rapporto della Commissione Onu sui diritti del fanciullo.

Il comitato delle Nazioni Unite sui diritti dei bambini lancia un appello affinchè le forze di governo irachene si impegnino maggiormente per proteggere i bambini e le loro famiglie. Il rapporto cita "molti casi di esecuzioni di massa di bambini, cosi' come notizie di decapitazioni, crocifissioni di bambini e sepolture di bambini vivi". Il governo iracheno ha chiesto ripetutamente di avere più armi dall'occidente e un maggiore addestramento delle sue forze. Da parte sua, l'agenzia dell'Onu ha esortato a fare di più, sottolineando che l'Iraq deve "prendere tutte le necessarie iniziative per assicurare la sicurezza e la protezione dei bambini e delle loro famiglie"

60 uccisi tra cui civili in raid coalizione 
Circa 60 persone, per lo più civili tra cui minori, sono stati uccisi nel nord della Siria, in una zona controllata dallo Stato islamico (Isis), in raid aerei compiuti dalla Coalizione internazionale lo scorso 28 dicembre ma la notizia è stata resa nota solo oggi grazie a un dettagliato rapporto di un'accreditata organizzazione umanitaria

Hollande,risposta globale a minaccia globale
"A minaccia globale, risposta globale": lo ha detto il presidente francese, Francois Hollande, riferendosi ai terroristi dell'organizzazione dello Stato islamico (Isis).

La Giordania "non esclude" la possibilità di inviare truppe speciali di terra per operazioni contro lo Stato islamico (Isis)dopo l'esecuzione del pilota giordano, secondo una fonte governativa anonima citata oggi dal quotidiano panarabo Asharq al Awsat. La notizia fa seguito ad un'altra, anch'essa impossibile per ora da verificare, data ieri da account Twitter vicini ai Peshmerga curdi secondo la quale l'aviazione giordana avrebbe bombardato postazioni dell'Isis a Mosul, nel Nord dell'Iraq, uccidendo 55 jihadisti

Tre jihadisti cinesi uccisi perchè cercavano di lasciare lo stato islamico
 Tre miliziani jihadisti cinesi sono stati messi a morte dall'Isis nei mesi scorsi perché avevano cercato di lasciare l'organizzazione, secondo quanto riferito dal quotidiano ufficiale cinese Global Times, che cita una non precisata fonte curda. I tre appartenevano al Movimento islamico dell'Est Turkestan (Etim), organizzazione separatista della regione cinese dello Xinjiang accusata dalle autorità di Pechino di avere compiuto decine di attentati mortali.

Giordania, il tempo dell'ira e della vendetta

Lo shock ha lasciato il posto alla rabbia e alla vendetta. Dopo le agghiaccianti immagini diffuse dall'Isis del pilota giordano bruciato vivo, ad Amman sono stati impiccati all'alba di oggi due terroristi di Al Qaida, tra i quali la donna della quale l'Isis aveva chiesto il rilascio promettendo la liberazione dell'ostaggio. Mentre la società giordana, che nei mesi scorsi era parsa divisa sulla partecipazione alla Coalizione internazionale a guida americana, sembra ora fare quadrato intorno al re Abdallah, intenzionato più che mai a continuare i raid contro lo Stato islamico in Siria: tanto che in serata caccia giordani, secondo fonti vicine ai Peshmerga curdi, hanno massicciamente bombardato Mosul, la 'capitale' del Califfato in Iraq, uccidendo 55 membri dell'Isis, tra cui un loro leader, Abu-Obida Al-Tunisian. Anche Ahmed al Tayyeb, l'imam dell'università Al Azhar del Cairo, il centro teologico più importante dell'Islam sunnita, ha espresso tutta la sua ira contro i responsabili dell'uccisione del pilota ventiseienne Muaz al Kassesbeh, arrivando ad affermare che i jihadisti dovrebbero essere "crocifissi" e mutilati, e definendo lo Stato islamico "un'organizzazione terroristica satanica"

Isis ordina rimozione croci da chiese in Siria  I jihadisti dello Stato islamico hanno imposto la rimozione delle croci e crocifissi dalle chiese di Tel Hamis, una località a maggioranza cristiana nel nord-est della Siria. Lo riferiscono media siriani delle opposizioni, che a loro volta citano fonti della Chiesa siriaca siriana e della comunità assira. L'informazione non può essere verificata in maniera indipendente. 

 

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA