Louvre chiuso per sciopero, file

Alcune centinaia di manifestanti ne bloccano l'ingresso

 Il museo più frequentato al mondo, dove ormai per le mostre più ambite i visitatori devono prenotare con mesi di anticipo, è stato costretto a chiudere i battenti per la giornata di oggi dopo che da questa mattina una sessantina di persone bloccano gli ingressi per protestare contro la riforma delle pensioni.

La direzione ha preso la decisione di chiudere dopo che la fila di visitatori in attesa - molti dei quali avevano prenotato per la mostra di Leonardo da Vinci, la più popolare attualmente aperta - continuava ad ingrossarsi. L'intersindacale guidata dalla CGT, il sindacato rimasto più duro a guidare la protesta dopo che i moderati l'hanno abbandonata, ha scritto in un comunicato: "è nel cuore della Piramide del Louvre, dove il presidente della Repubblica Emmanuel Macron scelse di consacrare la sua investitura, che si alza contro di lui il vento di un fronte d'opposizione sindacale contro i suoi orientamenti disastrosi in materia di pensioni".

Alla manifestazione di ieri, la 6/a dall'inizio della protesta, il 5 dicembre, si è segnalato un minimo di partecipanti, appena qualche decina di migliaia. I trasporti sono avviati verso un ritorno alla normalità. La strategia dei sindacati rimasti in campo è di portare avanti iniziative isolate come quella del Louvre, finora risparmiato dalla protesta, e di associare agli scioperi nuove categorie.

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie