Russia: trovati resti generale Napoleone

Iniziativa franco-russa. Cremlino, pronti a rimpatriare i resti

(ANSA) - MOSCA, 7 NOV - I resti del generale Charles Etienne Gudin, amico personale di Napoleone, sono stati ritrovati e identificati con certezza, col test del DNA, a Smolensk da un team franco-russo che opera sotto l'egida del gruppo di dialogo Trianon (fondato su iniziativa di Vladimir Putin ed Emmanuel Macron). Gudin fu colpito da una palla di cannone durante la battaglia di Valutino nel corso della campagna del 1812 e perse entrambe le gambe. Fu evacuato a Smolensk, dove morì poco dopo. La sua tomba era considerata perduta. "I nostri archeologi e i colleghi francesi hanno fatto un buon lavoro", ha commentato il portavoce del Cremlino, Dmitri Peskov, sottolineando che Putin è "al corrente della scoperta" e che la Russia, se la Francia lo richiede, è disposta a fornire "l'assistenza necessaria" per rimpatriare in Francia i resti del generale.
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA