Avvio tumultuoso presidenza Ue Romania

Presidente parlamento Bucarest ricorre contro la Commissione

All'avvio della presidenza di turno romena del Consiglio Ue fa discutere il ricorso del presidente del Partito socialdemocratico (Psd) e presidente della Camera dei deputati di Bucarest, Liviu Dragnea, alla Corte di Giustizia europea contro la Commissione Ue, per un rapporto dell'Olaf, l'autorità antifrode dell'Ue, secondo cui sarebbe coinvolto in una frode con i fondi comunitari.
    Ma al di là del caso Dragnea, la corruzione che dilaga nel Paese (già a novembre la Commissione europea aveva avvertito la Romania del rischio di un allontanamento dai progressi registrati dalla sua adesione all'Ue) non è l'unica questione che preoccupa. Bruxelles segue infatti con una certa apprensione le riforme della giustizia volute dal governo guidato da Viorica Dancila, che pongono dubbi sul rispetto dello stato di diritto e l'indipendenza della magistratura, che hanno scatenato dure proteste di piazza. Un corteo di protesta ha accompagnato anche la cerimonia di apertura, con i vertici europei a Bucarest.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

Video ANSA