Aborto, in Irlanda trionfa il si' alla legalizzazione

Referendum passa a valanga con il 66,4%

Il "sì" all'aborto in Irlanda vince con il 66,4%, mentre il "no" si attesta al 33,6%. Lo riferiscono i media irlandesi annunciando i risultati definitivi della consultazione. 
Il movimento anti-abortista irlandese ha ammesso la sconfitta al referendum. Lo ha reso noto il portavoce della campagna 'Save The 8th', John McGuirk. 

Un giorno "storico", agli occhi di molti. Di sicuro un passaggio destinato a segnare un'epoca tanto per i vincitori quanto per gli sconfitti, e soprattutto per le donne. L'Irlanda, terra di secolari radici cattoliche incamminata sulla scia del resto d'Europa verso la secolarizzazione, ha deciso oggi a larghissima maggioranza in favore dell'aborto libero in un referendum che ha diviso la sua gente, ma certo non a metà.

  Un voto per voltare pagina insomma, che suggella il trionfo del fronte favorevole all'abrogazione dell'articolo 8 della Costituzione, sulla tutela della vita del nascituro, introdotto nel 1983 per cementare il divieto di fatto dell'interruzione della gravidanza, salvo casi eccezionali di pericolo diretto per la vita della madre. Un divieto che per anni aveva significato viaggi all'estero a migliaia per chi voleva abortire.

    La giornata di bel tempo, almeno per gli standard irlandesi, ha favorito, come speravano i sostenitori del sì, l'affluenza attestatasi alla fine attorno al 70%. In uno scenario per certi versi simile a quello di un altro referendum contrastato e assai simbolico, sfociato giusto tre anni fa nel via libera ai matrimoni gay.
   
Un dibattito che, secondo gli usi locali, è proseguito anche a seggi aperti, a colpi di tweet libero. In rete si sono così riproposti gli schieramenti: a favore della liberalizzazione d'un progetto di legge già pronto tutti i leader istituzionali, i maggiori partiti (pur con la clausola della libertà di coscienza per deputati e militanti obiettori), i media che contano, le star irlandesi del jet set internazionale; contrari i movimenti per la vita (oscurati peraltro pubblicitariamente dai colossi del web per timore di presunte "interferenze straniere"), singoli dissidenti di partito e gruppi cattolici. Ma con la gerarchia spesso defilata, oltre che azzoppata nella sua autorità morale da anni di scandali e insabbiamenti su pedofilia e non solo.
   

"No all'aborto on demand", aveva twittato fino all'ultimo Peadar Toibin, deputato pro-life dello Sinn Fein, evocando lo spettro di una deregulation totale. "Cmon Ireland! Facciamo la cosa giusta per le grandi donne della nostra nazione", gli aveva replicato la celebrity del pop Niall Horan, ex One Direction. Un appello, quello di Horan, condiviso apertamente dal premier liberale di Dublino, Leo Varadkar, gay dichiarato e promotore di un referendum visto come "opportunità di una sola generazione" per mettere "fine ai viaggi della disperazione di troppe donne".
    In queste ore uno dei vincitori è certamente lui.  

"La notizia che la maggioranza degli irlandesi ha votato per cambiare lo status quo sull'aborto sarà un enorme sollievo per le donne di tutto il mondo". Così i co-presidenti del Partito dei Verdi europei Monica Frassoni e Reinhard Butikofer, in una nota. "Crediamo che tutti in Europa debbano avere il diritto di decidere quando, come, e se, vogliono iniziare una famiglia, e speriamo che altri Paesi con leggi proibitive sull'aborto seguano ora l'esempio dell'Irlanda".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA