Spagna: l'Eta si scusa con le vittime

In una dichiarazione pubblicata oggi su un giornale basco

 Il gruppo armato basco Eta ha chiesto scusa alle vittime per il dolore inflitto dalla sua campagna violenta per l'indipendenza della regione dalla Spagna, impegnandosi a non tornare all'uso della violenza. In una dichiarazione pubblicata oggi sul giornale basco Beria and Gara, l'Eta riconosce "la sua diretta responsabilità nel causare dolore durante il suo percorso, così come il suo impegno a superare alla fine le conseguenze del conflitto e non ripeterle". In 50 anni di lotta armata l'Eta ha causato oltre 800 morti. "Ci dispiace davvero", si legge nella dichiarazione. Durante la sua campagna l'Eta ha ucciso oltre 800 persone, inclusi agenti di polizia, politici e imprenditori. Come è noto, l'organizzazione annuncerà il suo scioglimento definitivo all'inizio del mese prossimo. Dopo oltre 40 anni di autobombe, sparatorie e rapimenti, il gruppo ha rinunciato alla violenza nel 2011 e ha deposto le armi un anno fa.   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA