Turchia, 947 arresti in una settimana

In maggioranza per legami con Gulen, detenuti 149 sospetti Pkk

(ANSA) - ISTANBUL, 16 APR - Ancora arresti di massa in Turchia con accuse di terrorismo sotto lo stato d'emergenza post-golpe, che il governo di Ankara intende prolungare per almeno altri 3 mesi. Nell'ultima settimana, sono 947 le persone finite in manette in operazioni in tutto il Paese. Lo rende noto il ministero degli Interni.
    Le detenzioni riguardano soprattutto sospetti affiliati alla presunta rete golpista di Fethullah Gulen (702). Fermati anche 149 supposti militanti del Pkk curdo, 75 accusati di legami con l'Isis e 21 con gruppi illegali di estrema sinistra. Dal fallito golpe del luglio 2016, stima l'Onu, almeno 160mila persone sono state arrestate in Turchia.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA