Charlie:genitori,prigioniero dello Stato

'Se famiglia fosse ricca cura sperimentale sarebbe già in corso'

Charlie Gard "è tenuto in sostanza prigioniero dallo Stato e dall'Nhs", il servizio sanitario nazionale britannico. E' dura l'accusa di Alasdair Seton-Marsden - portavoce del papà e della mamma del bambino inglese di 11 mesi afflitto da una rara e grave malattia a cui i medici del Great Ormond Street Hospital di Londra hanno chiesto nei mesi scorsi di staccare la spina contro il volere dei genitori - alla vigilia di una giornata forse decisiva per la riapertura del caso dinanzi all'Alta Corte britannica. Se i Gard fossero "ricchi, e non persone comuni, baby Charlie avrebbe già ottenuto la possibilità di essere sottoposto a una terapia alternativa" come quella in via di sperimentazione negli Usa, ha rincarato Seton-Mardsen, citato da SkyNews.
    Proprio la possibilità di tentare la terapia americana sarà al centro domani d'una missione chiave a Londra di Michi Hirano, professore di neurologia alla Columbia University di New York, che la sta mettendo a punto da qualche tempo.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA