British Airways rimborserà i passeggeri

Il collasso informativo potrebbe costare fino a 100 mln euro

La British Airways dovrà rimborsare direttamente i 75.000 passeggeri rimasti intrappolati nell'avaria della sua rete informatica una settimana fa. Lo scrive il Times ricordando che ieri la compagnia di bandiera britannica aveva invitato i passeggeri a chiedere il rimborso presentando una domanda alla loro assicurazione. Dopo le polemiche delle associazioni dei consumatori, il passo indietro di BA e la decisione di elargire una somma fino a 525 sterline (circa 600 euro) come previsto dai regolamenti europei. Non solo, la storica compagnia si è impegnata a pagare per le notti che i passeggeri hanno dovuto trascorrere in hotel, pasti inclusi. In totale, l'incidente potrebbe costare alla British fino a 100 milioni di dollari. A conferma del momento no di BA, l'annuncio di uno sciopero di 4 giorni del personale di volo dal 16 giugno. Questo va ad aggiungersi alla notizia, smentita da British Airways, che a causare il collasso del sistema informatico sia stato causato da un impiegato distratto che ha staccato la spina

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA