Burkini: Francia, sindaco rifiuta di ritirare divieto

Dopo lo stop del Consiglio di Stato

PARIGI - Il sindaco di centrodestra della cittadina francese di Villeneuve-Loubet, la cui ordinanza che vieta l'uso del burkini è stata sospesa dal Consiglio di Stato, si rifiuta di ritirare il provvedimento.
    Lionel Luca, che è anche deputato, ha inoltre anticipato che il suo gruppo parlamentare, Les Republicains, presenterà presto in parlamento una proposta di legge anti-burkini.

Non accenna a placarsi in Francia la polemica sul burkini, che e' ormai vietato sulle spiagge di una quindicina di localita'. A riaccendere la diatriba oggi e' stata una sequenza di foto pubblicate sul sito del tabloid britannico Daily Mail, scattate sulla spiaggia di Nizza, che mostrano una donna impegnata a togliersi la parte superiore del burkini davanti a un gruppo di agenti della polizia municipale. Secondo la didascalia che accompagna le immagini, di cui non viene fornita la fonte ne' la data, la donna sarebbe stata obbligata a svestirsi dai poliziotti, per adeguarsi alle regole cittadine che prevedono il divieto di indossare il costume integrale in spiaggia. Contattato dai media francesi, il municipio di Nizza ha dichiarato che in citta' ci sono effettivamente gia' stati alcuni casi di multe a donne in burkini, ma che al momento le autorita' non hanno elementi per confermare o smentire la notizia di una persona obbligata a svestirsi. Ma i dubbi sulla veridicita' della scena, sollevati anche da alcuni siti di informazione, non sono bastati a calmare gli animi, in particolare nella comunita' musulmana, gia' colpita nei giorni scorsi dal racconto di una madre di famiglia che afferma di essere stata multata a Cannes per essere andata in spiaggia con il velo sui capelli e dei leggings. "Ero seduta con la mia famiglia, portavo un velo classico, un hijab a fiori. Tre poliziotti sono venuti verso di me, dicendo che non avevo una tenuta corretta. Non ero li' per fare provocazioni, non avevo intenzione di fare il bagno", ha raccontato alla stampa Siam, trentaquattrenne di Tolosa, che intende fare ricorso contro una sanzione che ritiene ingiustificata. "I poliziotti le hanno detto che loro applicavano solo la legge - ha confermato alla stampa locale una testimone della scena - La cosa piu' triste e' che delle persone le gridavano 'torna a casa tua!', altri applaudivano. E nel frattempo sua figlia piangeva". In questo clima di tensione, il ministro dell'Interno Bernard Cazeneuve ha accettato di ricevere con urgenza i rappresentanti del Consiglio francese del culto musulmano (Cfcm). "Le ordinanze vanno applicate in modo proporzionato", e non devono "portare a stigmatizzazioni o antagonismi dei francesi gli uni contro gli altri", ha commentato Cazeneuve al termine del colloquio, annunciando una piu' ampia riunione in materia con rappresentanti islamici e ricercatori per lunedi' prossimo

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA