Ministro Brexit, via i migranti Ue dalla Gran Bretagna in caso di impennata

David Davis, se aumenteranno gli arrivi nei prossimi due anni interverremo

I migranti europei che arriveranno in Gran Bretagna nei prossimi due anni saranno "rispediti a casa", nel caso ci sia un'impennata di ingressi nel periodo precedente l'uscita dall'Ue. Lo ha annunciato il ministro britannico per la Brexit, David Davis, in un'intervista al Mail On Sunday. L'uomo che dovrà guidare i negoziati tra Londra e Bruxelles ha negato che il governo voglia mandar via i 3 milioni di migranti europei, soprattutto polacchi e romeni, che sono già nel Regno ma ha manifestato la ferma intenzione di intervenire qualora i nuovi afflussi diventassero troppo massicci.  

Theresa May, la signora in grigio sulle orme della Thatcher 

Hammond cancelliere Scacchiere, Osborne out  - Philip Hammond si aggiudica la poltrona piu' importante del governo di Theresa May: l'ex ministro degli Esteri e' stato nominato cancelliere dello Scacchiere, e quindi titolare del Tesoro.  Boris Johnson è ministro degli Esteri. Nuovo dicastero per la Brexit guidato da David Davis. Liz Truss, gia' ministra dell'Ambiente, rimpiazza Michael Gove alla Giustizia, mentre Justine Greening, considerata una fedelissima della neo premier, passa dal dicastero senza portafogli per lo Sviluppo Internazionale al ben piu' rilevante ministero dell'Istruzione. Il veterano Liam Fox al commercio con l'estero. Alla Difesa resta il 'Remainer' Michael Fallon, garanzia di fedelta' alla Nato rispetto alle aperture di Johnson alla Russia di Putin.

 

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA