Cazeneuve critica controlli Belgio

Azione non concertata. Decisione strana senza motivazioni

(ANSA) - BRUXELLES, 25 FEB - Il ministro dell'Interno francese Bernard Cazeneuve è arrabbiato col collega belga Jan Jambon per la reintroduzione dei controlli sistematici nella zona costiera tra i due Paesi, che non è stata concordata. "Quando si prende una decisione di questo tipo, si avverte il Paese interessato.
    Questo non è avvenuto", ha detto Cazeneuve arrivando al consiglio Ue, aggiungendo: "Questa decisione per noi è strana, e le sue motivazioni lo sono altrettanto".
    "Voglio essere estremamente chiaro - aggiunge -. Quello che facciamo a Calais, è dare protezione a tutti quelli che hanno lo status di rifugiato in Francia. Dire che avremmo inviato dei bulldozer per disperdere migranti è una menzogna, una manipolazione".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA