Ankara, non chiuderemo porte a rifugiati

Premier Davutoglu, 70mila profughi se raid Aleppo continuano

(ANSA) - ISTANBUL, 9 FEB - "Circa 70mila nuovi rifugiati siriani potrebbero raggiunge la frontiera turca" se l'offensiva di Assad e della Russia nell'area di Aleppo proseguirà all'intensità attuale. Lo ha detto il premier di Ankara Ahmet Davutoglu, promettendo di non chiudere le porte ai rifugiati. Davutoglu ha inoltre accusato le forze di Assad e la Russia di impedire il passaggio di aiuti umanitari, bloccando il corridoio che collega Aleppo con la frontiera turca. Le autorità di Ankara hanno più volte spiegato di voler fornire assistenza a questi nuovi rifugiati "il più possibile" in territorio siriano. Circa 30mila persone sono ammassate da giorni al valico di frontiera di Oncupinar, nella speranza di poter entrare in Turchia. Finora Ankara ha permesso solo l'ingresso in casi singoli di emergenze sanitarie.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA