Avramopoulos all'ANSA, fare rimpatri

Paesi rispettino impegni, 160mila ricollocamenti sono vincolanti

    In un'intervista all'ANSA il commissario Ue all'Immigrazione Dimitris Avramopoulos tocca aspetti cruciali della politica migratoria europea.
    Sul fronte dei ricollocamenti, che fino ad oggi hanno dato prova di essere una macchina inceppata, avverte: "Quella di ricollocare 160mila profughi è una decisione vincolante. E' tempo che gli Stati si prendano le loro responsabilità e facciano ciò per cui si sono impegnati. Le offerte per i ricollocamenti devono aumentare con urgenza, e gli Stati devono inviare staff aggiuntivo a Frontex. Non è un problema greco o italiano, è una responsabilità condivisa dell'Europa".
    Il commissario sottolinea la necessità di fare in modo che "i provvedimenti di espulsione si trasformino davvero in rimpatri" e rispetto a Dublino ricorda che i piani per la sua revisione saranno presentati a marzo. La riforma punterà "ad assicurare un sistema di distribuzione più equo tra i Paesi, un vero sistema di condivisione di solidarietà".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA