Iran: Rohani da Hollande ma Francia vuole nuove sanzioni

Proprio appena cominciata la visita in Francia del presidente iraniano Hassan Rohani

Prosegue la visita in Europa del presidente iraniano Hassan Rohani che, dopo l'Italia, è in Francia. Ma sulla visita pesa la notizia della richiesta di nuove sanzione da parte di Parigi all'Iran. Notizia che non ha influito sugli accordi commerciali siglati tra i due Paesi a partire da quello (di 23 miliardi) per l'acquisto di 118 Airbus.

Le sanzioni - Parigi ha chiesto ai partner europei di considerare l'ipotesi di nuove sanzioni contro Teheran dopo i recenti test balistici effettuati dall'Iran. La notizia è stata diffusa dall'agenzia Associated Press, proprio appena cominciata l'attesa visita in Francia del presidente iraniano Hassan Rohani che sarà anche ricevuto all'Eliseo da Francois Hollande.L'Ap cita due funzionari dell'Unione europea secondo i quali la richiesta sarebbe stata avanzata durante la riunione dei ministri degli esteri dell'Ue di lunedì scorso. Né Bruxelles né Parigi, aggiunge l'Associated Press, hanno voluto commentare la notizia.

L'Iran si è impegnato ad acquistare 118 apparecchi di Airbus. L'intesta è stato firmata in occasione della visita a Parigi del presidente Hassan Rohani che si trova attualmente all'Eliseo con il presidente Francois Hollande. L'ammontare totale della transazione è stimata a circa 23 miliardi di euro.

Hollande a Rohani, oggi si apre capitolo nuovo - "Oggi si apre un nuovo capitolo" nelle relazioni con l'Iran: lo ha detto il presidente francese, Francois Hollande, in conferenza stampa a Parigi con l'omologo iraniano Hassan Rohani. "Erano diciassette anni che un presidente iraniano non veniva in Francia", ha ricordato Hollande.  A Parigi, Hollande ha espresso l'auspicio che i nuovi rapporti che si aprono oggi con l'Iran possano "essere utili, utili ai nostri due Paesi, alla regione, al mondo intero". Per questo, ha continuato il presidente, "voglio lavorare su alcuni punti fondamentali, come "applicare rigorosamente l'accordo nucleare, ogni attore deve rispettare i suoi impegni, realizzando ciò che è stato detto". O avere "un livello di cooperazione bilaterale all'altezza del nostro potenziale e della nostra storia. A parte la sospensione degli ultimi anni, tra Francia e Iran c'è sempre stata una cooperazione di alto livello", ha ricordato il presidente.

Rohani a Hollande, diritti umani per tutti, anche migranti - "Per noi i diritti umani contano molto e auspichiamo che tutti possano avere pari diritti, incluso i migranti che arrivano nei Paesi di accoglienza. Tutti devono essere in una posizione di eguaglianza": lo ha detto il presidente iraniano Hassan Rohani nel corso della conferenza stampa congiunta a Parigi con Francois Hollande.

 

 

   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA