Moldova: centinaia manifestanti irrompono in Parlamento

Dure proteste contro formazione di un governo filo-occidentale

Centinaia di manifestanti hanno sfondato i cordoni di polizia a Chisinau, in Moldova, riuscendo a fare irruzione in parlamento. Migliaia di persone protestano contro la formazione di un nuovo governo guidato dal filo- occidentale Pavel Filip, che ha ottenuto oggi la fiducia dell'organo legislativo. Secondo l'agenzia russa Ria Novosti, tutti gli ingressi dell'edificio sono bloccati dai manifestanti, alcuni dei quali avrebbero raggiunto il primo piano del palazzo.
    La polizia ha usato gas lacrimogeni contro i dimostranti. La tv filo-Cremlino LifeNews riporta che tutti i membri del governo e i deputati sono fuggiti da un passaggio sotterraneo. Stando a Moldavian Business Channel, che cita dei parlamentari, dalle regioni stanno arrivando a Chisinau ulteriori forze di polizia.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA