Slovenia: referendum su matrimoni gay

Nel 2012 nel voto per avere più diritti vinsero i 'no'

   Referendum in Slovenia, sui matrimoni gay. Il voto, il primo di questo genere in un Paese ex comunista dell'Europa centro-orientale, è voluto dai conservatori sostenuti dalla Chiesa cattolica per abolire la legge che definisce il matrimonio come un'unione tra due adulti invece che tra un uomo e una donna. Il parlamento sloveno, a maggioranza di sinistra, ha approvato l'emendamento sulle nozze a marzo. Nel referendum del 2012 per concedere più diritti alle coppie gay, avevano vinto i 'no'.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA