Responsabilità editoriale Xinhua.

E-commerce favorisce sviluppo aree rurali cinesi

Rapporto evidenzia ruolo del settore nel rilancio delle campagne

(ANSA-XINHUA) - PECHINO, 13 GEN - Le piattaforme di e-commerce stanno contribuendo allo sviluppo delle aree rurali in Cina, abbinando in modo efficiente l'offerta di prodotti locali alla crescente domanda dei consumatori delle grandi città.
    Secondo un rapporto elaborato dall'Accademia cinese per il Commercio Internazionale e la Cooperazione Economica, un gruppo di esperti del ministero del Commercio di Pechino, i prodotti rurali si stanno facendo strada sempre più velocemente e a costi inferiori sui mercati delle aree urbane della Cina, mentre gli operatori del settore e-commerce aumentano la propria presenza nelle campagne del Paese. Varie piattaforme di e-commerce cinesi come Pinduoduo hanno collaborato con i governi locali per includere le famiglie povere in una solida filiera industriale che va dalla coltivazione, alla trasformazione fino alla vendita dei prodotti, sostenendo la campagna della Cina contro la povertà.
    Nel 2018, Pinduoduo ha registrato una crescita di oltre il 200% su base annua del valore delle vendite di prodotti agricoli e lavorati arrivando a superare i 65 miliardi di yuan (circa 9,39 miliardi di dollari) di ordinativi. Secondo la piattaforma cinese nel 2019 la cifra ha raggiunto i 120 miliardi di yuan.
    Alcuni operatori stanno inoltre introducendo prodotti industriali realizzati nelle aree urbane sui mercati delle zone rurali cinesi, per contribuire a migliorare la qualità della vita delle popolazioni locali.
    I dati ufficiali mostrano come le vendite al dettaglio online siano aumentate in Cina del 19,7% su base annua nei primi tre trimestri dello scorso anno, mentre nello stesso periodo le vendite dei prodotti sono salite nel Paese del 26,4% su base annua. Queste cifre sono cresciute rispettivamente di quasi 3 e 10 punti percentuali in più rispetto al ritmo di crescita di tutti gli acquisti al dettaglio conclusi online. (ANSA-XINHUA)

    Responsabilità editoriale Xinhua.

    Video ANSA