Responsabilità editoriale Xinhua.

Cina: sopravvissuto a massacro di Nanchino muore a 91 anni

In vita ancora 80 testimoni dei crimini giapponesi del 1937

(ANSA-XINHUA) - NANCHINO, 18 NOV - Un altro sopravvissuto al massacro di Nanchino, Zhu Weiping, è morto sabato scorso all'età di 91 anni, portando a 80 il numero dei testimoni di questa tragedia ancora in vita. Secondo il 'Memoriale delle Vittime degli Invasori Giapponesi nel Massacro di Nanchino', soltanto quest'anno sono deceduti 11 sopravvissuti.
    Il massacro di Nanchino è avvenuto nell'arco di sei settimane a partire dal 13 dicembre 1937, quando le truppe giapponesi conquistarono la città e uccisero circa 300.000 tra civili e soldati disarmati cinesi, in uno degli episodi più bui della Seconda Guerra mondiale. Zhu, allora un bambino di soli 9 anni, aveva raccontato che dopo l'invasione giapponese si era nascosto con la propria famiglia in un campo profughi della zona e lì vide i corpi dei soldati cinesi uccisi dalle truppe nipponiche.
    Il governo della Cina ha conservato le testimonianze dei sopravvissuti, registrate sia in documenti scritti che video.
    Nel 2015, i racconti sono stati inseriti dall'Unesco nel Registro della Memoria del Mondo. (ANSA-XINHUA)

        Responsabilità editoriale Xinhua.

        Video ANSA