Responsabilità editoriale Xinhua.

CIIE: aspettative globali sul mercato cinese (2)

(XINHUA) - SHANGHAI, 3 NOV - Appena un mese dopo il primo CIIE, la società di ingegneria statunitense AECOM ha aperto la sua sede centrale in Cina a Shanghai e questo aprile sono stati aperti il suo nuovo ufficio di Chengdu e il suo centro di consegna globale a Changsha. "Il primo CIIE ha rafforzato la nostra fiducia nel business cinese. Ha dato un segnale molto chiaro della trasformazione della Cina verso una crescita di alta qualità. Vogliamo prepararci a servire un mercato cinese più aperto", ha detto Ian Chung, amministratore delegato di AECOM per la Grande Cina. L'azienda statunitense ha collaborato con società cinesi su molti progetti all'estero, offrendo servizi di consulenza in materia di design, normative locali e standard ambientali e di sicurezza. "Le aziende cinesi eccellono nella costruzione e nel finanziamento, mentre noi condividiamo un vantaggio competitivo nella progettazione e nella conoscenza delle normative, delle procedure e della cultura locali. È un vantaggio per tutti noi", ha aggiunto Chung. Anche l'esperienza al primo CIIE del marchio di latte neozelandese Theland è stata positiva. Dopo aver partecipato alla prima edizione della rassegna, il prodotto lattiero-caseario dell'azienda ha raggiunto finora 40.000 supermercati in Cina. Il latte Theland può arrivare nei supermercati di Shanghai circa 72 ore dopo la produzione e l'imbottigliamento nei pressi di Auckland. In passato il processo richiedeva otto giorni. Per i prodotti come il latte fresco, con una durata di conservazione non superiore a 15 giorni, ogni ora è importante. "Grazie al CIIE, le merci importate, soprattutto alimentari, hanno ora accesso a un maggior numero di cinesi residenti in città e centri di piccole dimensioni", ha detto Sheng Wenhao, presidente del consiglio di amministrazione di Theland New Cloud, che possiede il marchio di latte. (SEGUE)

      Responsabilità editoriale Xinhua.

      Video ANSA