Cina: resta alta la fiducia dei consumatori

Rapporto Nielsen, il secondo trimestre simile al precedente,

(ANSA-XINHUA) - PECHINO, 13 AGO - Resta alto l'indice di fiducia dei consumatori cinesi nel secondo trimestre del 2019, attestandosi a 115 punti, simile a quello del trimestre precedente. Lo riferisce un rapporto preparato dalla società di misurazione globale e di analisi dei dati Nielsen.
    I livelli dell'indice al di sopra e al di sotto della linea base di 100 punti indicano rispettivamente ottimismo o pessimismo dei consumatori. L'indice misura le percezioni delle prospettive di lavoro locali, della finanza personale e della disponibilità a spendere. Justin Sargent, presidente di Nielsen China, segnala una struttura economica costantemente ottimizzata e un maggiore potere economico endogeno dell'economia. Nel frattempo, la riforma strutturale dell'offerta cinese avanza e la politica per garantire stabilità è in fase di accelerazione.
    Secondo Sargent, "l'indice mette in evidenza la resilienza e la vitalità dell'economia cinese e agevola con efficacia lo sviluppo stabile a lungo termine". "Il governo ha implementato misure per ridurre ulteriormente le tasse, ridurre il costo delle imposte e le tasse a carico delle aziende, per aumentare la vitalità delle imprese", sostiene Sargent. "Nel frattempo - conclude -, la riforma fiscale ha portato a un contemporaneo aumento del reddito delle famiglie, che ha guidato la crescita dei consumi sociali". (ANSA-XINHUA)

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA