Cina-Usa: Altomonte, importante riapertura negoziati

L'opinione dell'economista della Bocconi di Milano

(XINHUA) - ROMA, 10 LUG - La riapertura dei negoziati commerciali tra gli Stati Uniti e la Cina rappresenta un passo importante e simbolico. E' l'opinione di alcuni analisti italiani interpellati dalla Xinhua.
    "È uno sviluppo simbolico ma estremamente importante perché aiuta a ricostruire la fiducia nel mercato durante un periodo complicato", ha detto Carlo Altomonte, economista specializzato in commercio internazionale presso l'Università Bocconi di Milano.
    Lo stallo commerciale tra le due maggiori economie mondiali è stato alleviato durante il G20 di Osaka, in Giappone. Nel corso del summit nipponico, infatti, i leader di entrambi i Paesi hanno deciso di riaprire i negoziati commerciali sulla base dell'uguaglianza e del rispetto reciproco.
    Secondo Ettore Greco, vicepresidente del think tank Istituto Affari Internazionali, alla riapertura dei negoziati non corrisponde necessariamente un avvicinamento alla conclusione dell'accordo.
    "Si tratta di una nuova partenza per un lungo processo", ha dichiarato Greco a Xinhua.
    L'ultimo giro di negoziati tra Cina e Stati Uniti si è tenuto lo scorso maggio a Washington, quando gli USA hanno aumentato i dazi dal 10% al 25% su merci cinesi del valore totale di 200 miliardi di dollari. Questa decisione ha condotto ad un punto morto nelle trattative, rimasto invariato fino al G20 di Osaka.
    Secondo il Ministero del Commercio cinese, i capi negoziatori di entrambe le parti ieri hanno avuto una conversazione telefonica, nel corso della quale c'è stato uno scambio di vedute sull'attuazione dell'accordo raggiunto a giugno dai due capi di Stato a margine del G20 giapponese. (XINHUA)

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA