Rahaf, diversi Paesi offrono asilo

Polizia, tra questi il Canada e l'Australia

(ANSA) - BANGKOK, 11 GEN - Diversi Paesi, tra cui il Canada e l'Australia, sono disposti ad accogliere Rahaf Mohammed al-Qunun, la 18enne saudita che lo scorso fine settimane è stata bloccata per due giorni nell'area di transito dell'aeroporto di Bangkok, sostenendo di rischiare di essere uccisa dalla famiglia in caso di rimpatrio forzato. Lo ha riferito oggi la polizia thailandese, che lunedì scorso ha lasciato entrare la ragazza in Thailandia finché l'agenzia Onu per i rifugiati non avrà trovato una destinazione.
    Nel frattempo, oggi da Twitter l'account gestito da Rahaf è stato cancellato; secondo altri attivisti su Twitter, la stessa Rahaf ha preferito disattivarlo a causa delle minacce di morte ricevute. La ragazza aveva usato il social network in maniera massiccia quando si era barricata in albergo protestando contro la possibilità del rimpatrio, e la rapida diffusione dell'hashtag #saverahaf aveva contribuito a creare il clamore necessario per una soluzione del caso a lei favorevole.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA