Birmania: affogati 102 Rohingya in fuga

Negli ultimi 20 giorni nel fiume Naf al confine con Bangladesh

(ANSA) - DACCA, 13 SET - La polizia del Bangladesh ha recuperato sette cadaveri di profughi rohingya in fuga dalla Birmana nelle acque del fiume Naf, portando a oltre 100 quelli morti nell'attraversamento del corso d'acqua che segna il confine birmano-bengalese. Lo riferisce oggi il portale di notizie BdNews24.
    Il commissario di polizia di Cox's Bazar, Mainuddin Khan, ha precisato che gli ultimi cadaveri sono stati recuperati in vari punti e che si tratta di tre donne e quattro bambini. "Riteniamo - ha spiegato Khan - che si tratti di passeggeri di una barca che si è capovolta mentre tentava la traversata del fiume".
    Da quando è scoppiata la nuova emergenza profughi dallo Stato birmano di Rakhine il 25 agosto, i soccorritori hanno recuperato nelle acqua del fiume Naf, all'altezza di Bandarban e Cox's Bazar, un totale di 102 corpi senza vita. I media hanno dato notizia nelle scorse tre settimane dell'affondamento di imbarcazioni piene di profughi rohingya in questo fiume.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA