Birmania: Suu Kyi rinuncia a 2 ministeri

Rimarrà a capo degli Esteri e dell'Ufficio del presidente

Il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni è giunto oggi in Myanmar per una visita ufficiale di due giorni nel Paese. Il ministro, primo membro di governo
occidentale a visitare il Myanmar all'indomani dell'insediamento del nuovo esecutivo, ha incontrato i principali esponenti del
neo-eletto governo a guida Nld, tra cui il Ministro degli Affari Esteri, Aung San Suu Kyi, il Presidente della Repubblica, U Htin
Kyaw, e il Comandante in Capo delle Forze Armate birmane, Gen. Min Aung Hlaing.
La visita - sottolinea la Farnesina - rappresenta un forte segnale politico di sostegno dell'Italia al primo governo democraticamente eletto del Paese negli ultimi cinquant'anni e,
allo stesso tempo, un gesto di particolare amicizia della nuova leadership birmana che accoglie oggi il ministro Gentiloni.
"Ringrazio il Ministro italiano per la sua visita a soli sei giorni dal mio insediamento. Gentiloni rappresenta l'Italia perché è stato eletto democraticamente in libere elezioni e
quindi nessuno più di lui può apprezzare il valore del processo democratico in corso in Birmania", ha detto Aung San Suu Kyi. "Sono grata all'Italia per il suo sostegno e la disponibilità a collaborare per lo sviluppo del mio Paese. È importante - ha aggiunto San Suu Kyi - che questo impegno si traduca in progetti sostenibili con il pieno coinvolgimento della società birmana".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

Video ANSA