Venezuela: 25 morti a frontiera Brasile in 48 ore

Guaidò, mantenere "tutte le opzioni aperte" nella lotta per cacciare il presidente Nicolas Maduro

   In due giorni di repressione, da sabato scorso, le forze di sicurezza e gli irregolari chavisti hanno ucciso 25 persone e ne hanno ferite almeno 84 a Gran Sabana, alla frontiera venezuelana con il Brasile. Lo ha denunciato il sindaco della località, Emilio Gonzalez, che si è rifugiato in Brasile, attraversando il confine clandestinamente.

   Domenica il leader dell'opposizione venezuelana Juan Guaidò ha detto che chiederà alla comunità internazionale di mantenere "tutte le opzioni aperte" nella lotta per cacciare il presidente Nicolas Maduro. L'appello di Guaidò è giunto dopo una turbolenta giornata in cui una campagna di aiuti umanitari sostenuta dagli Stati Uniti da inviare in Venezuela ha incontrato una forte resistenza da parte delle forze di sicurezza, che hanno sparato lacrimogeni sui manifestanti lasciando almeno due morti e circa 300 feriti.

    Sabato sera il leader dell'opposizione proclamatosi presidente ad interim ha twittato: "Gli eventi di oggi mi hanno obbligato a prendere una decisione: proporre in modo formale alla comunità internazionale di mantenere tutte le opzioni disponibili per liberare questo Paese, che lotta e continuerà a lottare".

    Guaido' ha detto che incontrerà oggi il vicepresidente degli Stati Uniti, Mike Pence, nel vertice d'emergenza dei ministri degli Esteri del gruppo di Lima sulla crisi del Venezuela nella capitale colombiana Bogotà.

    Sono ore drammatiche in Venezuela. La "valanga umanitaria" di aiuti, annunciata da Guaidò e destinata alla popolazione stremata del Venezuela, è stata bloccata con la forza alle frontiere da Nicolas Maduro. Le sue forze di sicurezza hanno lanciato una brutale repressione contro i manifestanti al confine con la Colombia, mentre i "colectivos" (gruppi irregolari chavisti) fedeli al presidente hanno sparato vicino a quello con il Brasile.

    Guaidò, che venerdì aveva attraversato il confine colombiano, aveva annunciato in mattinata l'inizio dell'operazione coordinata per l'ingresso degli aiuti umanitari depositati in Brasile, Colombia e Curazao dai Paesi che hanno risposto alla sua richiesta di assistenza. Poche ore dopo, però, lo stesso Guaidò ha ammesso che "solo una parte" dell'assistenza è riuscita ad entrare in Venezuela. Il leader oppositore, riconosciuto presidente ad interim da numerosi Paesi occidentali, ha accusato "un piccolo gruppo della polizia nazionale" e i 'colectivos' di "massacrare il popolo a San Antonio de Tachira, sul confine con la Colombia, con cariche e lacrimogeni, e a Santa Elena de Uarein, sul confine col Brasile, dove secondo Alfredo Romero, responsabile della ong Foro Penal, almeno 4 persone sono morte e altre 18 sono rimaste ferite. Un camion di aiuti proveniente dal Brasile è effettivamente entrato in territorio venezuelano, almeno formalmente - come ha annunciato Guaidò e confermato il ministro brasiliano degli Esteri, Ernesto Araujo -, ma a metà pomeriggio restava comunque parcheggiato a una certa distanza dal posto di blocco della Guardia Nazionale, senza che apparentemente siano stati scaricati gli aiuti.

    Dall'altra parte del Paese invece, al confine con la Colombia, un primo camion di aiuti che era finalmente riuscito a passare sul versante venezuelano del ponte Francisco de Paula Santander è stato incendiato dalle forze di sicurezza. Decine di persone sono accorse per prendere gli alimenti e le medicine che si trovavano sul camion, salvandoli dalle fiamme. "Continuiamo a ricevere sostegno dalla comunità internazionale, che ha potuto vedere con i suoi stessi occhi come il regime usurpatore violi il protocollo di Ginevra, dove si dice chiaramente che distruggere gli aiuti umanitari è un crimine contro l'umanità", ha scritto su Twitter Guaidò dopo che le forze di Maduro hanno incendiato almeno tre camion di aiuti che erano riusciti a entrare in Venezuela dalla Colombia.

    Scontri e tensioni si sono registrati soprattutto sul ponte Simon Bolivar, allargandosi poi rapidamente a San Antonio de Tachira e Santa Elena de Uairén, circa 13 km più a sud sulla frontiera, dove almeno 12 persone sono rimaste ferite da colpi di arma da fuoco, secondo informazioni raccolte dalla testata web Cronica Uno. Durante la giornata, però, si sono moltiplicate le segnalazioni di militari venezuelani che si sono uniti alla causa dell'opposizione: almeno 13 si sarebbero rifugiati in Colombia, secondo le autorità di Bogotà, e altri casi si sono registrati in altri punti del paese, tra cui anche quello di un maggiore dell'esercito, Hugo Parra Martinez, sul ponte di Tienditas, e anche in altri punti del paese. Non a caso, Guaidò ha puntualizzato che "in questa occasione le Forze Armate non hanno partecipato alla repressione, hanno appoggiato il presidente legittimo".

    A Caracas, nel frattempo, decina di migliaia di manifestanti oppositori hanno circondato la base aerea militare di La Carlota, per esigere alle Forze Armate che permettano l'ingresso degli aiuti umanitari nel territorio venezuelano, mentre dall'altra parte della città Nicolas Maduro ha parlato durante un meeting chavista, esibendosi anche in un ballo con la moglie, Cilia Flores. "Sono pronto a continuare a governare adesso e per molti anni ancora", ha proclamato condannando di nuovo il "golpe imperialista" travestito da "finti aiuti umanitari". E ha annunciato la rottura dei rapporti diplomatici con la Colombia, a causa della politica di Duque, che ha definito "un diavolo" che "odia il popolo venezuelano", e che sta dando rifugio in queste ore proprio al nemico Guaidò.

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
        TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

        Video ANSA