Duque, rafforzare rapporti con l'Italia

Presidente colombiano a Roma: 'Crescano gli investimenti'

Le relazioni e i legami anche commerciali fra Colombia e Italia sono buoni, ma si può fare di più. Ne è convinto e lo auspica il presidente della Colombia Ivan Duque, che nelle scorse ore a Roma ha incontrato il presidente della Repubblica Sergio Mattarella e il presidente del Consiglio Giuseppe Conte. "Al momento è stato firmato un trattato per mettere fine al regime di doppia tassazione, che deve essere ratificato dai parlamenti italiano e colombiano.
Spero che sia fatto entro il prossimo anno", ha spiegato Duque in un'intervista all'ANSA dopo il suo giro di colloqui a Roma. Ma soprattutto ha sottolineato come tra le sue speranze ci sia un'ulteriore crescita dell'export già a buoni livelli verso l'Italia, così come per gli investimenti in cui l'Italia fa già bene: "Credo che si possa fare molto meglio". I settori che menziona sono molteplici, da quello del cacao all'high-tech al settore assicurativo, fino al sistema ferroviario, che Duque vede come "un'opportunità, in cui l'Italia ha esperienza".

Un incontro "molto costruttivo". Il presidente della Colombia Ivan Duque definisce così la sua visita ieri in Vaticano dove ha visto papa Francesco, di cui si dice un "ammiratore". Una scelta non casuale quindi quella della prima tappa a Roma, in Italia e in Vaticano, nel primo viaggio in Europa del presidente colombiano insediatosi il 7 agosto scorso. "Sono cattolico", ha sottolineato Duque in un'intervista con l'ANSA, "amo le posizioni del pontefice sulla religione e sulla politica" e nel colloquio di ieri "ci siamo confrontati su America Latina, sulla situazione in Venezuela, sulla pace in Colombia, su come smantellare la corruzione", ha detto Duque.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

Video ANSA