Cile: Piñera decide rimpasto governo

Saltano i ministri di Istruzione e Cultura

(ANSA) - SANTIAGO DEL CILE, 10 AGO - Il presidente cileno Sebastián Piñera ha operato nelle ultime ore un mini-rimpasto di governo che ha coinvolto il ministro dell'Istruzione, Gerardo Varela, che aveva formulato polemiche dichiarazioni riguardanti il modo con cui i responsabili delle scuole cilene potevano risolvere i loro problemi di infrastrutture.
    Nella prima modifica del suo governo da quando ha assunto la carica di capo dello Stato nello scorso marzo, Piñera ha anche accettato le dimissioni dei ministri della Cultura e dell'Ambiente, Alejandra Pérez e Marcela Cubillos.
    In un intervento pubblico lo scorso 23 luglio, il ministro Varela aveva suscitato un certo scalpore lamentandosi per le troppo richieste che stava ricevendo di intervento per migliorare vetuste infrastrutture scolastiche cilene.
    "Io mi chiedo - aveva detto - 'ma perché non si organizzano un Bingo?'. Perché da Santiago io devo andare a riparare il tetto di un liceo? Questi sono i vizi dell'assistenzialismo, e così la gente non si fa carico dei suoi problemi ed esige che glieli risolvano altri".
    Sarà il ministro Cubillos ad insediarsi all'Istruzione, mentre l'Ambiente, da lei lasciato, sarà guidato da Carolina Schmidt, già ministro della Condizione femminile e dell'Istruzione nel primo mandato di Piñera. Il ministero della Cultura è infine stato assegnato a Mauricio Rojas, responsabile di uno dei Dipartimenti della Presidenza. Da segnalare che Rojas fu militante del Movimento della sinistra rivoluzionaria (Mir) e come tale visse in esilio in Svezia dopo il golpe del 1973 di Augusto Pinochet.
    A Stoccolma abbandonò il marxismo, avvicinandosi alle teorie neoliberali. Riuscì a farsi eleggere in Parlamento per il Partito liberale ed ha la doppia cittadinanza svedese e cilena.(ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

Video ANSA