Battisti,estradizione è consegna a morte

Intervista in Brasile. Legali, fiducia in Temer non lo estraderà

(ANSA) - RIO DE JANEIRO, 12 OTT - Se il Brasile confermerà la mia estradizione in Italia "mi consegneranno alla morte": lo ha detto Cesare Battisti intervistato da 'O Estado de Sao Paulo'."Perché non ho diritto di restare in Brasile?", si chiede nell'intervista realizzata a Cananeia, sul lungomare di San Paolo. Battisti ha detto di non sapere "su cosa si basi" l'ufficio legale della presidenza della Repubblica brasiliana per giustificare una sua possibile estradizione. I suoi avvocati, ha aggiunto, stanno ancora aspettando che i ministeri competenti forniscano le informazioni al riguardo.
    I suoi avvocati si sono detti convinti che il presidente brasiliano, Michel Temer, non autorizzerà l'estradizione in Italia dell'ex terrorista. "Siamo fiduciosi che il presidente della Repubblica, noto docente di Diritto costituzionale, rispetterà le norme brasiliane, nonostante le pressioni politiche interne ed esterne".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA