Brasile: lascia ministro della Giustizia

Josè Eduardo Cardozo accusato di non aver 'frenato' inchieste

Nuova grana per la presidente brasiliana Dilma Rousseff. Il ministro della Giustizia Jose' Eduardo Cardozo, un fedelissimo della presidente, ha annunciato di voler lasciare l'incarico in seguito alle critiche ricevute dall'interno del Partito del lavoratori (Pt, di sinistra) dopo l'apertura di una inchiesta giudiziaria nei confronti dell'ex presidente Luiz Inacio Lula da Silva, fondatore ed eminenza grigia del Pt. Dilma, che ha disertato la festa del Pt sabato scorso per rimarcare il dissenso con il proprio partito, sta tentando di convincere Cardozo a non lasciare. Ma, nel caso non dovesse riuscire a convincerlo a rimanere, Dilma avrebbe scelto di affidare il delicato portafoglio della Giustizia a Wellington Cesar, procuratore baiano molto vicino al ministro della Casa civile, Jacques Wagner. Cardozo è stato criticato da Lula per non aver 'frenato' le inchieste contro di lui e contro i vertici del Pt.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA