Onu, Algeria lascia migranti nel deserto

Da maggio 2017 13.000 costretti a marciare o morire nel Sahara

(ANSA) - PARIGI, 14 LUG - Il governo dell'Algeria ha ripreso a espellere i migranti nel deserto del Sahara: è quanto denuncia il capo della missione dell'Oim in Niger, Giuseppe Loprete.
    Secondo il funzionario dell'agenzia dell'Onu per le migrazioni, 391 migranti provenienti da 16 paesi sono stati abbandonati alla frontiera.
    Secondo l'Associated Press, l'Algeria ha lasciato più di 13.000 migranti nel deserto del Niger e del Mali da maggio 2017, costringendoli a camminare o morire. Per diverse settimane, le espulsioni sembravano essere state sospese. Il governo avrebbe invece tenuto in isolamento i migranti per settimane nei centri di detenzione, secondo un operatore umanitario con contatti in Algeria. L'Oim stessa ha trovato molti migranti mentre vagavano nel deserto. Molti testimoni hanno riferito all'Ap di aver visto morti lungo la strada.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA