Zimbabwe: vicepresidente lascia Paese

Mnangagwa è stato rimosso lunedì. 'Minacciati io e mia famiglia'

(ANSA) - HARARE, 8 NOV - L'ex vice presidente dello Zimbabwe, Emmerson Mnangagwa, rimosso dall'incarico un paio di giorni fa dall'anziano capo di stato Robert Mugabe, ha fatto sapere oggi con un comunicato di aver lasciato il Paese a causa delle "incessanti minacce" fatte a lui e alla sua famiglia.
    Mnangagwa ha detto di essere in salvo ma non ha rivelato dove si trova attualmente. "Tornerò a parlare con voi presto - ha aggiunto nel comunicato, rivolgendosi presumibilmente a suoi sostenitori - E tornerò nello Zimbabwe per guidare il Paese".
    Sempre oggi un suo alleato che vive in Sudafrica, Chris Mutsvangwa, ha descritto Mugabe come un "dittatore". L'anziano leader è al potere da quando lo Zimbabwe ha ottenuto l'indipendenza nel 1980 e da allora la situazione nel Paese, una volta prospero, e le condizioni di vita della popolazione sono andate deteriorandosi in modo drastico.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA