Terrorismo: tre bambini-kamikaze in Nigeria, sei morti

Avevano tra i 10 e i 15 anni

Tre bambini-kamikaze, dai 10 ai 15 anni di età, si sono fatti esplodere contro un checkpoint nello stato del Borno, Nigeria nordorientale, uccidendo sei persone e ferendone almeno 24. Lo riferiscono fonti dell'esercito nigeriano. L'attentato non è stato rivendicato ma i sospetti cadono sul gruppo terroristico di Boko Haram. Inoltre almeno 300 corpi di musulmani sciiti sono stati trovati in una fossa comune, sempre in Nigeria. Lo denuncia Human Rights Watch (Hrw) affermando che si tratta di persone uccise dall'esercito nella città settentrionale di Zaria durante l'attacco all'inizio di dicembre. I corpi sono stati sepolti senza il permesso dei familiari, ha aggiunto la fonte di Hrw. Dal canto suo il portavoce militare, generale Rabe Abubakar, ha dichirato con forza che l'esercito non ha ucciso nessuno.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA