Libano: banche introducono restrizioni

'Misure straordinarie' contro fuga capitali

 - BEIRUT - Le banche libanesi hanno cominciato ad applicare stamani "misure straordinarie" per contenere la fuga dei capitali in un contesto in cui, a causa della grave crisi sociale, economica e politica libanese, i risparmiatori cercano di prelevare dai loro conti correnti in dollari americani in contanti.
    Intanto, migliaia di manifestanti sono affluiti dalle prime ore del giorno nel centro di Beirut, in corrispondenza della prevista seduta parlamentare per discutere e approvare una controversa legge per un'amnistia nei confronti di un'ampia gamma di crimini comuni e finanziari.
    Il presidente del parlamento, Nabih Berri, ha però poi rinviato a data da destinarsi la sessione parlamentare prevista per oggi.
    La decisione è stata presa, riferisce l'ufficio stampa di Berri, a causa dell'assenza del quorum dei deputati. Molti infatti non si sono presentati per l'assedio di migliaia di manifestanti fuori dal parlamento che hanno tentato di impedire l'acceso dei parlamentari.
   

    RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

    Video ANSA