• Francia: uomo asserragliato in un museo a Saint-Raphael, arrestato

Francia: uomo asserragliato in un museo a Saint-Raphael, arrestato

A Saint-Raphael. La facciata è stata imbrattata da minacciose scritte in arabo

Momenti di terrore in Costa Azzurra: un diciottenne si è asserragliato per ore nel museo archeologico di Saint-Raphael che aveva imbrattato da minacciose scritte in arabo. E' stato necessario il blitz delle teste di cuoio per stanare, a fine giornata, quello che il procuratore di Draguignan, Patrice Camberou, ha descritto come un individuo con pesanti "turbe psichiche", "totalmente delirante". Tanto che è stato impossibile interrogarlo ed è stato subito ricoverato in ospedale. Se il gesto di uno squilibrato sembra al momento l'ipotesi investigativa più probabile gli inquirenti rimangono comunque prudenti sulle motivazioni. L'allerta è scattata alle 7:30, quando - nel museo di Rue de la Vieille Eglise ancora chiuso al pubblico - un'addetta alle pulizie segnala la presenza di uno, se non due individui, all'interno dello spazio espositivo adiacente ad un'antica chiesa romanica. Nella Francia con i nervi a fior di pelle dopo l'attacco dei giorni scorsi alla questura di Parigi, la zona viene subito evacuata e presidiata dalle forze dell'ordine. Da Nizza e Marsiglia le unità speciali del RAID partono a sirene spiegate per scongiurare il peggio. In uno dei 'tag' in lingua araba visibili dall'esterno l'avvertimento sembra chiaro: "Il museo diventerà un inferno". Una minaccia subito rimbalzata su radio, tv e siti internet ma che al momento non trova conferma ufficiale dalle autorità transalpine, in attesa che si concludano tutti gli accertamenti del caso. L'allerta verrà revocata circa quattro ore dopo, passate le undici del mattino, quando l'uomo si arrende nel giardino del museo, "senza opporre resistenza né violenza", ai Robocop francesi. Al momento del blitz era solo, disarmato, e contrariamente a quanto temuto senza ostaggi. Agli inquirenti ha detto, tra l'altro, di chiamarsi Aladdin, affermazione ancora tutta da confermare, visto che durante il breve interrogatorio ha rilasciato in modo confuso e sconnesso diverse identità. A metà giornata la cittadina di Saint-Raphael tentava il progressivo ritorno alla normalità. Ma in molti sono ancora sotto shock.   

    RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

    Video ANSA