• Clima: Emissioni zero al 2050, patto all'Onu. L'accusa di Greta

Clima: Emissioni zero al 2050, patto all'Onu. L'accusa di Greta

'Mi avete rubato i sogni'. E al summit a sorpresa arriva Trump

La lotta ai cambiamenti climatici riparte dall'Onu dove 66 Paesi, 102 città e 93 imprese (tra cui Nestlé, Nokia e L'Oréal) si sono impegnati a raggiungere zero emissioni entro il 2050. L'annuncio è stato dato nel corso del summit sul clima a New York che precede l'assemblea generale delle Nazioni Unite. Un passo avanti cui si è affiancato quello della Russia, il quarto più grande inquinatore al mondo, che con una risoluzione del premier Dmitri Medvedev ha deciso di attuare l'accordo di Parigi sul clima pur senza tecnicamente ratificarlo. Segnali di speranza, secondo il segretario generale dell'Onu Antonio Guterres, che arrivano però quando il tempo sta per scadere, mentre giganti come Usa e Brasile non prendono impegni: secondo l'organizzazione meteorologica mondiale, i dati sul 2014-2019 dimostrano che sono stati i cinque anni più caldi mai registrati, con un +0,2 gradi rispetto al 2011-2015, mentre la temperatura media globale è aumentata di 1,1 gradi dal periodo preindustriale. In questo periodo c'è stato un record di crescita dei gas serra. Per Greta Thunberg gli impegni annunciati non sono adeguati e rischia di essere già troppo tardi: "Avete rubato i miei sogni e la mia infanzia con le vostre parole vuote", ha detto la sedicenne attivista svedese in un appassionato intervento, con gli occhi umidi. "La scienza - ha continuato - da trent'anni è chiara ma voi distogliete lo sguardo, come osate? Siamo all'inizio di un'estinzione di massa e tutto quello di cui siete capaci di parlare è il denaro e favole di un'eterna crescita economica".

Greta Thunberg, una sedicenne in difesa del clima

  "Ci state deludendo, ma i giovani stanno iniziando a capire il vostro tradimento, gli occhi di tutte le generazioni future sono su di voi e se sceglierete di fallire non vi perdoneremo mai", ha ruggito Greta fra gli applausi, parlando a nome delle giovani generazioni che è riuscita a mobilitare in tutto il mondo. Ma l'icona della lotta ai cambiamenti climatici non si è limitata a fustigare i grandi del mondo. Lei ed altri 17 giovani tra gli 8 e i 17 anni provenienti da 12 paesi hanno presentato una denuncia ufficiale al Comitato dell'Onu sui diritti dell'infanzia contro cinque potenze: Argentina, Brasile, Francia, Germania e Turchia.

I firmatari sostengono che l'incapacità degli Stati membri di affrontare la crisi climatica costituisce una violazione dei diritti dei minori ed esortano l'organismo indipendente a ordinargli di agire per proteggere i bambini dagli impatti devastanti dei cambiamenti climatici. L'intervento di Greta non sembra però aver fatto impressione su Donald Trump, che è comparso a sorpresa al summit sul clima solo per 15 minuti, per ascoltare la cancelliera tedesca Angela Merkel e l'amico Narendra Modi. Poi ha di fatto boicottato l'iniziativa, partecipando ad un'iniziativa parallela e simultanea tutta americana sulla libertà religiosa, chiedendo ai paesi del mondo di mettere fine alle persecuzioni religiose. Eppure è proprio il movimento giovanile sul clima, trainato da Greta, che alimenta le speranze di Guterres, abilissimo a cavalcare questo momento mettendo il climate change al centro della 74esima assemblea generale dell'Onu. "Credo che gli ultimi mesi siano stati un momento di svolta. Sei mesi fa, confesso, ero molto pessimista, ora vedo molto movimento e dobbiamo rafforzarlo", ha spiegato.

Secondo gli esperti dell'Onu, probabilmente bisognerà almeno triplicare gli sforzi sulla riduzione delle emissioni per rispettare gli obiettivi dell'accordo di Parigi. Poi è stato il turno dei rappresentanti degli oltre 60 Paesi che hanno preso parte al summit. Emmanuel Macron ha ricordato ai suoi colleghi la necessità di includere il climate change nelle loro politiche commerciali e finanziarie e che i Paesi non dovrebbero importare merci che incrementino le emissioni di anidride carbonica o finanziare fabbriche inquinanti all'estero. "Abbiamo bisogno che i giovani ci aiutino a cambiare le cose", ha aggiunto il presidente francese, riferendosi a quella Greta che Angela Merkel ha voluto incontrare di persona. Ma anche l'Italia, come ha sottolineato il premier Conte, vuole ritagliarsi un ruolo da leader nella green economy, già a partire dalla prossima finanziaria. 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA