Israele: exit poll dicono Gantz, Netanyahu dietro

Ma nessuno avrebbe la maggioranza, decisivo lieberman

Israele al voto oggi. Secondo gli exit poll di Canale 13, Gantz è in testa su Netanyahu : 33 seggi contro 31. La percentuale di voto nelle elezioni politiche del 17 settembre è stata del 69,4 per cento. Lo ha reso noto la Commissione elettorale centrale secondo cui si tratta di un aumento dell' 1,5 per cento rispetto alle elezioni dell'aprile scorso. Il dato, rilevano i media, ha destato compiacimento perchè c'era il timore che gli elettori mostrassero un interesse ridotto verso le elezioni di settembre, avevndo già votato cinque mesi fa. 

Il partito Blu-Bianco di Benny Gantz è in testa alle elezioni israeliane con 33 seggi alla Knesset contro i 31 attribuiti al Likud del premier uscente Benyamin Netanyahu, secondo i primi exit poll pubblicati dalla tv Canale 13 al termine del voto in Israele. L'altra emittente commerciale, Canale 12, attribuisce 34 seggi a Blu-Bianco, 33 al Likud. La tv pubblica dà invece in parità a 32 seggi i due partiti. Non sono ancora disponibili i dati sulle coalizioni.

Secondo gli exit-poll la lista di Avigdor Lieberman riceverà 8-10 seggi. La Lista unita araba ottiene un notevole successo, con 11-13 seggi. Ai laburisti di Amir Peretz sono attribuiti 5-6 seggi. La lista di estrema destra Otzmà Yehudit non riesce ad entrare alla Knesset, secondo questi exit poll.

Il premier israeliano uscente Benyamin Netanyahu non avrebbe, dunque, la maggioranza per formare un nuovo governo. La coalizione di destra conterebbe su 54 seggi alla Knesset, quella di centrosinistra guidata da Blu-Bianco di Benny Gantz avrebbe 58 seggi, comunque insufficienti per raggiungere la soglia di 61 su 120. 'Israel Beitenu' del nazionalista laico Avigdor Lieberman si conferma così decisivo per ogni coalizione con i suoi 8/10 seggi.

C'è una sola opzione: "un governo nazionale, liberale, allagato con Blu Bianco, Likud e Israel Beitenu". Lo ha detto il leader del partito, il laico nazionalista Avigdor Lieberman che, secondo gli exit poll, è l'ago della bilancia tra la destra e il centro sinistra."C'è una situazione di emergenza nella sicurezza e nell'economia e questo richiede subito un governo allargato. Noi saremmo contenti di farne parte ma altrimenti - ha aggiunto - non c'è problema". Lieberman si è quindi augurato che il presidente Rivlin convochi subito Netanyahu e Gantz: "non c'è tempo da perdere".

La percentuale di voto registrata alle ore 20 locali (le 19 in Italia) è stata del 63,7 per cento, corrispondente a 4.071.398 votanti. Lo ha reso noto la Commissione elettorale centrale. Si tratta del 2,4 per cento in più rispetto alle politiche dello scorso aprile. 

Oltre sei milioni di israeliani erano chiamati alle urne per scegliere una nuova leadership dopo che le politiche dell'aprile scorso si sono concluse con uno stallo fra il Likud di Benjamin Netanyahu ed il partito centrista Blu-Bianco di Benny Gantz. In tutto il paese i seggi sono stati chiusi alle 22 (le 21 in Italia). I risultati definitivi saranno resi noti nella giornata di domani.

Negli ultimi sondaggi il Likud e Blu Bianco appaiono ancora affiancati e relativamente lontani dall'obiettivo di raggiungere la maggioranza parlamentare di 61 seggi. Per motivi di sicurezza, dalla scorsa notte restano chiusi i valichi di transito verso la Cisgiordania e verso Gaza.
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA